REQUEST A CALLBACK

Perfetta per impianti di produzione e laboratori medio-piccoli specializzati nel trattamento fanghi e acque reflue nei settori marmo, granito e ceramiche, inerti, miniere, derivanti anche dal lavaggio ruote dei camion.Il nome deriva dalla parola latina per Acqua, in quanto nasce come progetto destinato al recupero di acqua anche nei casi di portate minime.

PERCHÉ L’ACQUA E’ VITA!

Acquae è la linea medio-piccola che racchiude tutte le caratteristiche tecniche delle macchine maggiori semplificate per l’uso nei settori già citati.

SETTORE

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Contattaci per telefono +39 0585 831034 o per email matec@matecitalia.com

SCHEDA TECNICA

  • acquae_400x400
  • acquae_500x500
  • acquae_63x630

Air Gasser® Automatic Shaker

Sistema pneumatico per garantire il distacco dei panetti dalle tele, realizzati con una serie di cilindri pneumatici ad alta efficienza. Sollevano una barra di acciaio inossidabile mediante speciali perni e poi rilasciano la piastra per darle un'adeguata sollecitazione verticale. Il nostro shaker non si usura e garantisce un'efficace agitazione verticale della piastra e la completa rimozione dei panetti di fango. Sistemi di protezione e sicurezza:

  • Cordini di emergenza (dotazione standard per ogni filtropressa)
  • Coperchio in acciaio inox AISI 304 per la protezione e la sicurezza della macchina.
  • Barriere fotoelettriche.
  • Barriere di sicurezza.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Cake Dryer

Il Cake-Dryer è un sistema automatico al 100% per l'essiccazione dei panetti di fango con aria compressa, simile al sistema Core-Blow. Il getto d'aria compressa viene soffiato nel foro centrale dell'alimentazione delle piastre, completando l'asciugatura di un blocco di 20 piastre alla volta, garantendo un panetto completamente asciutto.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Cake Washing

Un sistema a circuito chiuso per fanghi speciali contenenti sostanze chimiche. Viene solitamente utilizzato assieme alle piastre a membrana, permettendo all'acqua pulita di fluire nelle camere delle piastre prima che i panetti vengano scaricati. Questo processo risciacqua i panetti, abbassando il livello di sostanze chimiche al di sotto della soglia che li renderebbe “fanghi speciali” con i relativi costi di smaltimento annessi.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Core Blow

Il sistema Core Blow è progettato per pulire il foro di alimentazione, alla fine del processo di filtrazione, dai fanghi residui raccolti nel condotto di diffusione attraverso le piastre. La filtropressa è dotata di un condotto d'aria all’interno della piastra mobile per soffiare, alla fine del processo di filtrazione, il fango residuo fuori dalle piastre. Un adeguato sistema di valvole permette al fango soffiato di bypassare la pompa e di essere scaricato nuovamente nel serbatoio di raccolta.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Drip Tray

Durante il ciclo di filtrazione, alcune gocce d'acqua possono fuoriuscire dalle tele, soprattutto se sono nuove, quindi per evitare che questa acqua cada sui panetti di fango già scaricate, Matec ha creato due particolari tipi di raccoglitori. Il sistema "Drip Tray" è costituito da uno o due vassoi sfalsati, che occupano la parte sotto la filtropressa durante la fase di filtrazione e raccolgono le gocce d'acqua che fuoriescono. Una volta terminata la fase di filtraggio, i vassoi vengono poi spostati da un motore per consentire la rimozione dei panetti. Il modello "bomb doors" ha due porte che ruotano per posizionarsi sotto la filtropressa. Sono posizionati con un'inclinazione che permette loro di raccogliere l'acqua che esce per poi reindirizzarla verso le canaline laterali, dove sarà restituita al serbatoio dell'acqua di scarico.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

HPT 16/21

Il segreto del nostro successo

Le filtropresse Matec sono state create per il settore degli inerti dove la tecnologia HPT è essenziale per ottenere ottimi risultati con fanghi difficili, mentre i nostri competitors provengono da settori come l'olio d'oliva, il marmo e i prodotti chimici. L’ HPT è più costoso, ha bisogno di una maggiore QUALITÀ e di componenti migliori:

• PISTONI PIU’ GRANDI
• MOTORE OLEODINAMICO PIÙ GRANDE
• PIU’ FERRO PER LA STRUTTURA DEL TELAIO

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Real Washing

La filtropressa può essere dotata di un sistema di lavaggio automatico per piastre e tele. Il sistema è costituito da una valvola e da un sistema di tubazioni sul lato di alimentazione della filtropressa e da valvole di sfiato su ogni piastra. La pompa di alimentazione invia acqua pulita per il lavaggio dei fanghi residui. Il sistema lava le piastre 20 alla volta. La frequenza del ciclo di lavaggio viene impostata sul pannello di controllo.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Robo Wash

RoboWash è un sistema di lavaggio delle tele completamente automatizzato che può essere messo in funzione con la semplice pressione di un pulsante. Lo spruzzatore ad alta pressione, situato all'estremità di una tenda scorrevole, scorre tra ogni piastra ed eroga acqua di lavaggio ad alta pressione su tutta la superficie della tela, staccando e pulendo l'eventuale accumulo di sporco sul telo filtrante.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Squeezing Membrane Plates

Le piastre a membrana sono piastre speciali con una camera interna e una membrana. Quest’ultima permette una migliore pressatura meccanica dei panetti di fango. Fondamentalmente, la membrana viene gonfiata con acqua e cresce di volume premendo il fango che viene pompato nella camera. Un volume variabile è la differenza principale rispetto alle piastre standard. La speciale piastra, insieme al sistema di drenaggio, garantisce un prodotto finale più asciutto e un ciclo di filtrazione più efficiente. Anche lo scarico dei panetti ne trae beneficio.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Tilt Sensor

Questo sistema è costituito da sensori di prossimità superiore e inferiore che controllano l'inclinazione dell'ultima piastra di chiusura. Nel software che gestisce la filtropressa, è possibile impostare il tempo di ritardo tra i due sensori. Se il secondo sensore viene attivato entro il tempo impostato dopo il primo, la macchina può continuare il suo ciclo normalmente. In caso contrario, scatterà un allarme.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Torbidity sensor

Viene collocato nel serbatoio di stoccaggio dell'acqua chiara. Il turbidimetro è costituito da un misuratore a candela (sensore) immerso in acqua con particelle disciolte. Sulla base del feedback ottenuto dal sensore, è possibile determinare dove dirigere il flusso dell'acqua. Utilizzando valori predefiniti, se viene rilevato un livello di torbidità troppo alto, il sistema attiva le valvole e devia il flusso d'acqua dal serbatoio dell'acqua dolce al serbatoio di raccolta delle acque reflue, per sottoporre nuovamente l'acqua alla fase di chiarificazione.

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

BENEFITS

Assistenza sul posto in 24 ore
Assistenza sul posto in 24 ore
24 Mesi di Garanzia completa
24 Mesi di Garanzia completa
10 anni di garanzia sui prodotti in acciaio inossidabile
10 anni di garanzia sui prodotti in acciaio inossidabile
Tecnologia HPT
Tecnologia HPT
Componenti delle migliori marche
Componenti delle migliori marche
Lavaggio e scuotimento automatico
Lavaggio e scuotimento automatico

RICHIEDI UNA QUOTAZIONE

Contattaci per telefono +39 0585 831034 o per email matec@matecitalia.com

REFERENZE

500X500 – 15 PLATES

CLIENTE : CALCESTRUZZI CORRADINI LOCATION : Italia SETTORE : Cemento e Tunneling TPH : 1000 Cicli : 2

400×400 – 15 PLATES

CLIENTE : SYLVESTRE LOCATION : Francia SETTORE : Cemento e Tunneling TPH : 0.5 Cicli : 3/4

400×400 – 15 PLATES

CLIENTE : IMPRESA BAGANASCO LOCATION : Italia SETTORE : Cemento e Tunneling TPH : 0.5 Cicli : 3/4

630×630 – 15 PLATES

CLIENTE : CONCRETE AUTOMATION TECHNOLOGY LOCATION : Usa SETTORE : Cemento e Tunneling TPH : 1.2 Cicli : 3/4

500×500 – 15 PLATES

CLIENTE : ROCKTECH LOCATION : Russia SETTORE : Cemento e Tunneling TPH : 0.6 Cicli : 3/4